Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ciambellone piu' soffice del mondo di Adelaide Melles senza glutine

>> 10 gennaio 2010

© Riproduzione riservata.

Oggi mi ha bloccata in casa la sinusite, a dire il vero sono già un paio di giorni che mi sta tormentando ma, diciamolo piano piano, forse è in via di guarigione. Niente di meglio che provare a fare il ciambellone più soffice del mondo di Adelaide Melles del sito Diario di una passione in versione senza glutine. La ricetta originale ha già fatto il giro del web e ha riscosso un grande successo.
In realtà avevo già provato a farlo qualche mese fà ma non era cotto bene per due motivi: non avevo lo stampo da ciambella in casa e ne avevo usato uno classico rotondo, in Olanda devo accontermi di cuocere le torte con la funzione ventilata del microonde che non è il massimo. La torta di per se mi era piaciuta ma era rimasta cruda e molliccia al centro, tipo budino (il sapore però era buono!).
Qui in Italia ho adottato un piccolo fornetto elettrico che i miei genitori non utilizzavano e l'ho posizionato sul piano di lavoro e ho cotto la torta con questo elettrodomestico (tutta un'altra cosa rispetto alla cottura con il ventilato del forno a microonde!).


Ingredienti per uno stampo a ciambella da 24 cm.:
  • 250gr farina senza glutine per dolci Schar "Mix C"
  • 250gr zucchero
  • 3 uova fresche
  • 130gr acqua
  • 130gr olio di semi di girasole
  • 1 cucchiaio da minestra di rum (meglio se di buona qualità)
  • 1 bustina di lievito senza glutine per dolci  (*)
  • 2 cucchiai da minestra di cacao amaro senza glutine  (*)

(*) per i celiaci: utilizzare solo i prodotti elencati nelle categorie "lievito" e "cacao" del Prontuario A.I.C. attualmente in vigore oppure prodotti che siano chiaramente dichiarati "senza glutine" in etichetta dal produttore, come da Regolamento (CE) n° 41/2009 del 20/01/2009 e successive modifiche.

Per quanto riguarda il rum:

è idoneo ai celiaci se si tratta di un distillato puro (tal quale) senza aggiunta di aromi, coloranti o altri additivi. Ved. anche informazioni più dettagliate sul sito A.I.C.

Riscaldare il forno a 180°C, imburrare e infarinare leggermente lo stampo con del Mix C della Schar e nel frattempo preparare l'impasto. In una ciotola sbattere bene le uova con lo zucchero con una frusta fino a renderle spumose. Aggiungere gradualmente gli altri ingredienti continuando a mescolare per non far formare grumi: olio, acqua, rum, farina e per ultimo il lievito. L'impasto rimane liquido, è perfetto così non bisogna aggiungere farina per addensarlo!


Versare circa 3/4 di impasto nello stampo e in quello rimanente mettere i due cucchiai di cacao amaro, mescolare bene e versare anche questo nello stampo.


Creare l'effetto marmorizzato facendo dei cerchi nell'impasto con un cucchiaio (la mia torta, dopo la cottura, è rimasta di colore marrone quasi uniforme, l'effetto marmorizzato non sono riuscita a ottenerlo).
Infornare e cuocere per una quarantina di minuti (tempi e temperature di cottura possono variare da forno a forno).


In cottura cresce abbastanza e rimane morbido anche con l'utilizzo della farina senza glutine, inoltre si prepara in breve tempo. Per via degli ingredienti ha un sapore delicato, quasi leggero, non è molto dolce e si fà notare soprattutto per la sua morbidezza. E' ideale per la colazione. Purtroppo il mio fornetto ha bruciato un po' la superficie ma la torta è piaciuta anche a due cavie non celiache.
A questo punto non mi resta che ringraziare Adelaide per la ricetta!


Ho etichettato la ricetta "senza burro" perchè la quantità utilizzata è davvero minima, ne basta un piccolissimo pezzetto per imburrare lo stampo.

Domani posterò le ultime foto ......... WELTERUSTEN




© Riproduzione riservata.
.

9 commenti:

La Gaia Celiaca 11 gennaio 2010 06:13  

ricetta proprio interessante. sono sempre alla ricerca di ricette come questa per la colazione e le merende dei bambini.
grazie raffaella!

fantasie 11 gennaio 2010 07:36  

Avevo visto fare la ciambella ad Adelaide su Gambero Rosso e mi ero un po' intristita per il fatto che io, con questo gran quantitativo si farina, non avrei mai potuta assaggiarla. E adesso invece tu dici che sostituendo la farina con pari quantitativo con la farina dietoterapica viene lo stesso morbida... sono felicissima, così la proverò finalmente anche io!

RaffaellaM 11 gennaio 2010 09:41  

Probabilmente, a giudicare dalle foto viste in rete, con la farina normale cresce di più, ho visto in giro dei ciambelloni molto alti (forse però alcuni erano staqti cotti nella pentola fornetto). Il mio è arrivato poco sopra al bordo della teglia e poi, quando si è raffreddato, è sceso leggermente. Comunque stamattina ne ho mangiato un paio di fette per la colazione e era ancora morbido, la superficie è rimasta bruciacchiata perchè in quel piccolo fornetto la torta rimane troppo vicino alla resistenza superiore, quando mi sono accorta dell'errore (dopo 20min di cottura, in pratica al momento della foto che ho scattato), ho spostato la torta più in basso ma ormai la frittata era fatta. Grazie per la visita Gaia & Stefania, buona giornata

Matteo 11 gennaio 2010 11:12  

Che bello e sicuramente anche buonissimo. Posso farlo anche con la farina normale o devo cambiare qualcosa?

RaffaellaM 11 gennaio 2010 14:49  

@MATTEO: diciamo che è morbido e buono (buonissimo è un po' troppo). Se il rum utilizzato è di buona qualità è ancora meglio (quello che avevo usato in Olanda e che arrivava dalla Guyana Francese era strepitoso, il rum Bacardi che ho utilizzato ieri non è un gran che). La ricetta del ciambellone classico (per non celiaci) la trovi sul blog di Adelaide a questo indirizzo http://diariodiunapassione.splinder.com/post/15627575/Il+mat-cha+ciambellone+pi%C3%B9+so . Comunque basta usare farina normale e lievito normale al posto di quelli senza glutine, le dosi sono le stesse della ricetta originale. Ciao a presto

Fabipasticcio 12 gennaio 2010 10:08  

Ciao carissima! mi dispiace per la tua sinusite!
avevo provato un anno fa a fare questa ricetta senza glutine...che dire? uno spatascio completo, dopo un ora di cottura era ancora cruda e quando finalmente risultò cotta era insapore.
Riproverò.
Per chi deve eliminare del tutto il burro vaccino, c'è sempre il burro di capra o di bufala ;-) reperibile nei super. Oppure la margarina, tanto demonizzata ma a volte anche a sproposito.
Oppure se proprio non si può con la margarina, provare a spennellare con olio evo e poi passare in frigo, bisogna spennellare due o tre volte ma funziona anche così.
Lievito "normale" e "senza glutine" hanno comunque la stessa composizione chimiche, è un problema solo di tracce:-DDD (sebbene ci sia una legislazione in merito ;-) e su quello non ci sarà mai accordo purtroppo :-(((
Grazie per le belle ricette e scusa la mia chiacchiera
Baci Baci

RaffaellaM 12 gennaio 2010 15:33  

@FABIANA: se penso che fino a due anni fà andavo anche in inverno in bici da corsa e a correre (con abbigliamento adeguato of course) e non mi prendevo alcun chè (manco un raffreddore) mi viene da pensare: saranno forse gli anni che passano? Comunque quest'inverno per vari motivi non ho fatto attività fisica all'aperto e io son convinta che l'organismo si rinforzi. Bando alle ciance, grazie per le tue indicazioni sul burro e il lievito che sono sempre molto gradite. Un bacione, a presto

Scuola di cucina a Trissino 5 agosto 2010 09:11  

Sempre più persone in Italia hanno problemi col glutine. Anche chi non arriva all'allergia vera e propria, spesso è intollerante senza neppure saperlo.

Molti, poi, lo trovano indigesto e spesso neppure sanno perché un certo alimento che lo contiene dia loro problemi di digestione.

In quest'ultimo caso la statistica è ancora più difficile.

Ottima, quindi, l'idea di promuovere dolci che non ne abbiano o ne abbiano in minima quantità.

RaffaellaM 5 agosto 2010 10:49  

@SCUOLA_DI_CUCINA: grazie per i complimenti anche se, in effetti, la mia scelta di proporre ricette senza glutine è dettata da una necessità personale visto che poco più di un anno fà sono stata diagnosticata celiaca. Concordo in pieno con quanto avete scritto, purtroppo, a fronte di un certo numero di diagnosticati, esiste un numero altrettanto corposo di persone che non sanno di esserlo anche perchè in taluni soggetti la celiachia non da manifestazioni evidenti. Buona giornata

Posta un commento

Benvenuto/a sul blog e grazie per avermi lasciato un messaggio. Nei commenti non è ammesso segnalare siti commerciali o comunque promozionali, l'inserimento di questi siti sul Blog è considerato spamming e determinerà la cancellazione del commento stesso.


Welcome, thanks for your visit and leaving a comment. You should avoid any links to sites that primarily exist to sell products or services, or sites with objectionable amounts of advertising or sites that require payment or registration to view the relevant content. These comments are considered "spam or spamming" and they'll be deleted.

LinkWithin

  © Blogger template Simple n' Sweet by Ourblogtemplates.com 2009

Back to TOP