Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Hollandse Nieuwe Haring!

>> 27 giugno 2010



© Riproduzione riservata
Potrebbe anche sembrarlo ma non è una parolaccia. "Hollandse nieuwe haring!" vuol dire semplicemente che è arrivata la nuova aringa, gli Olandesi ne sono ghiottissimi e dai bambini fino agli anziani si mettono pazientemente in fila davanti ai chioschetti che le vendono pur di gustarle. Anche tanti turisti si lasciano conquistare da questo tipico snack. Sabato scorso al mercato di Leiden c'era una folla mai vista in prossimità dei banchi del pesce, tutti pazzi per l'aringa.

L'aringa cruda viene pulita da un inserviente che manipola il coltello rapidissimamente: viene tolta la pelle e la testa, eviscerata e lasciata la coda. Si può semplicemente mangiarla così, oppure toccarla leggermente nella cipolla tritata finemente che è posta in un contenitore a disposizione degli avventori, infine, per i più raffinati c'è la possibilità di gustarla dentro a un panino con l'aggiunta di cipolla tritata (detto "broodje haring").


Per quanto riguarda i panini vi sono poi diverse varianti che prevendono anche gamberetti o altri ingredienti insieme all'aringa.
Sapete qual'è il modo più classico di gustare l'aringa? Si prende per la codina e la si lascia scivolare lentamente in bocca, come sta facendo il tizio in questa foto. Non è infrequente vedere anche persone in giacca e cravatta che la gustano così.


L'aringa nel periodo invernale è piuttosto piccola poi comincia a crescere e a ingrassare nel periodo primaverile. Maggio è il momento in cui l'aringa raggiunge il 16% di grassi e in questo periodo inzia la pesca della "Nieuwe haring" che dura all'incirca fino a Luglio. Non si può chiamarla "Nieuwe haring" se non ha questa percentuale di grasso.
In alcune cittadine vengono anche organizzate manifestazioni per festeggiare l'arrivo delle nuove aringhe, per esempio a Scheveningen (non lontano da Den Haag, italianizzata in L'Aia) si svolge ogni anno dal 1947 la "Vlaggetjesdag" ossia il giorno delle bandiere. Nei giorni precedenti la festa, il primo barile di aringhe pescato viene venduto all'asta per beneficenza, durante la "Vlaggetjesdag" si svolgono poi tutta una serie di sfilate e manifestazioni non direttamente collegate alle aringhe (es. prove di salvataggio, giochi di varia natura, sfilata della Reale Marina Olandese ........ ecc.).

Oltre che nei mercati, spesso si trovano dei chioschetti che vendono l'aringa nelle piazze e nelle vie di tante cittadine.


LINKS: sito del "Vlaggetjesdag" di Scheveningen.

NOTA PER I CELIACI: l'aringa è naturalmente senza glutine ma la preparazione di questo snack implica anche il taglio e la manipolazione di pane. Anche se si acquista solo l'aringa, senza il panino (= broodije), il rischio contaminazione è in agguato.


© Riproduzione riservata
.

7 commenti:

La Gaia Celiaca 28 giugno 2010 14:47  

ma si mangiano crude, quindi?
e come la mettiamo con l'anisakis?
dopo che ho letto dell'anisakis sono sempre molto sospettosa sul pesce crudo...

RaffaellaM 28 giugno 2010 15:45  

Si si crude, in taluni casi anche affumicate ma quelle che vanno per la maggiore sono crude! Secondo me da queste parti è in voga il detto "quel che non uccide, fortifica" di F.W. Nietzsche. Io non amo il pesce crudo e quindi evito anche l'aringa ma per i locali e anche tanti turisti è una ghiottoneria ....... de gustibus. Spesso mi chiedo se anche da queste parti esista l'equivalente dei nostri NAS (Nucleo Antisofisticazioni e Sanità) perchè a volte si vedono cose ben lontane da una moderna civiltà. Buona settimana Gaia

fantasie 29 giugno 2010 10:04  

Quando sono stata in Olanda, e ancora non sapevo di essere celiaca, ho asssaggiato questi panini con l'aringa, e li ho trovati strepitosi!!! Certo, poi mi sembrava che un esercito di gatti fosse sempre lì con me, però il sapore mi è piaciuto da morire... non so se riuscire, oggi, ad assaggiare solo l'aringa così al naturale...

Fabipasticcio 4 luglio 2010 16:46  

Non amo molto le aringhe, però è sempre un grande piacere leggerti.
Sarà che in Italia abbiamo i NAS, ma quante frodi e imbrogli ci sono nonostante loro fa paura e tanta.
Buona domenica

behemother 4 luglio 2010 19:18  

Brava, mi hai fatto ritornare con la memoria a una mia vita precedente in cui vivevo in Olanda :) non ho mai avuto il coraggio di buttare giù la nieuwe cruda, ma amavo il palingbroodje, che oggi non potrei più mangiare, sia per via del panino, sia per la quantità inverosimile di grasso (nell'anguilla e nel panino generosamente imburrato!)... Bella l'Olanda :)))

La Gaia Celiaca 5 luglio 2010 20:16  

ciao carissima, vado un po' in vacanza, ci si rilegge al ritorno!

RaffaellaM 5 luglio 2010 23:20  

Buona vacanza, anche io sono in partenza per il Trentino, ho trovato un hotel che prepara anche pasti per i celiaci, non vedo l'ora di farmi una scorpacciata di strudel. Buona vacanza, tu dove andrai? Un abbraccio

Posta un commento

Benvenuto/a sul blog e grazie per avermi lasciato un messaggio. Nei commenti non è ammesso segnalare siti commerciali o comunque promozionali, l'inserimento di questi siti sul Blog è considerato spamming e determinerà la cancellazione del commento stesso.


Welcome, thanks for your visit and leaving a comment. You should avoid any links to sites that primarily exist to sell products or services, or sites with objectionable amounts of advertising or sites that require payment or registration to view the relevant content. These comments are considered "spam or spamming" and they'll be deleted.

LinkWithin

  © Blogger template Simple n' Sweet by Ourblogtemplates.com 2009

Back to TOP